Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

a cura di Giacomo Scortichini

Lo sfruttamento del lavoro per stato di bisogno.

L’articolo 603 bis del codice penale: “Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato, chiunque:

1) recluta manodopera allo scopo di destinarla al lavoro presso terzi in condizioni di sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno dei lavoratori;

2) utilizza, assume o impiega manodopera, anche mediante l'attività di intermediazione di cui al numero 1), sottoponendo i lavoratori a condizioni di sfruttamento ed approfittando del loro stato di bisogno.
Se i fatti sono commessi mediante violenza o minaccia, si applica la pena della reclusione da cinque a otto anni e la multa da 1.000 a 2.000 euro per ciascun lavoratore reclutato.
Ai fini del presente articolo, costituisce indice di sfruttamento la sussistenza di una o più delle seguenti condizioni:

A) la reiterata corresponsione di retribuzioni in modo palesemente difforme dai contratti collettivi nazionali o territoriali stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative a livello nazionale, o comunque sproporzionato rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato;

B) la reiterata violazione della normativa relativa all'orario di lavoro, ai periodi di riposo, al riposo settimanale, all'aspettativa obbligatoria, alle ferie;

C) la sussistenza di violazioni delle norme in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro;

D) la sottoposizione del lavoratore a condizioni di lavoro, a metodi di sorveglianza o a situazioni alloggiative degradanti.
Costituiscono aggravante specifica e comportano l'aumento della pena da un terzo alla metà:

1) il fatto che il numero di lavoratori reclutati sia superiore a tre;

2) il fatto che uno o più dei soggetti reclutati siano minori in età non lavorativa;

3) l'aver commesso il fatto esponendo i lavoratori sfruttati a situazioni di grave pericolo, avuto riguardo alle caratteristiche delle prestazioni da svolgere e delle condizioni di lavoro”.

Lo “Stato di bisogno” o il palese “ Abuso di condizione di vulnerabilità”, creano i presupposti per costringere i lavoratori ad accettare condizioni illecite, irricevibile eppure non rinunciabili.
La condizione di bisogno dovrebbe suggerire una maggiore cura, una maggiore attenzione, maggiori diritti:
perché chi ha bisogno possiede un diritto in più, quello di non essere abbandonato.
Invece il “caporalato” ancora è ben lungi dall’essere cancellato dal mondo del lavoro, per cui questa norma trova la sua ratio proprio nell’intento di contrastare questo fenomeno.
A ben vedere il reato in argomento si realizza al sussistere di due condizioni:
- Delinquenti che ritengono di potersi arricchire sulle sofferenze dei lavoratori
- Una società, profondamente ingiusta, tanto da garantire enormi ed incomprensibili ricchezze e smisurate povertà.
Questa è una guerra che non possiamo perdere, dobbiamo ridare centralità alla dignità umana, ribadendo che esiste un diritto naturale, che come primo fondamento afferma il diritto ad esistere e a vivere una vita degna di essere vissuta.
Dunque dobbiamo agire su due fronti:
1) Denunciare e far condannare questi soggetti che attivano queste condotte criminali,
2) Lo Stato, per quanto possibile, sottragga ogni “UOMO” dalla deprecabile situazione di “strutturale bisogno”.

Torna indietro

Commenti

Aggiungi un commento

Calcola 7 più 5.