Separazione giudiziale senza addebito

a cura di Giacomo Scortichini

Separati anche sull'accordo.

Solitamente ci riferiamo ad una separazione scaturita da una evidente condizione di conflittualità, senza che ciò tragga origine da atti o condotte in palese violazioni con gli obblighi coniugali.
Nel caso di specie i coniugi avvertono la necessità di separare il loro percorso di vita senza che vi siamo motivi specifici da addebitare a l’uno all’altro coniuge.
Questa assoluta incapacità di comunicare impedisce ai coniugi di trovare un accordo sui termini della separazione ( separazione consensuale) e pertanto affidano al giudice la facoltà di determinare le condizioni della separazione.

Alla prima udienza, scaturita dalla richiesta di separazione avanzata da uno dei coniugi, il giudice tenterà comunque una “conciliazione” che, nel caso dia esito negativo, indurrà il tribunale ad assumere delle decisioni che potranno mai prescindere dalla tutela della prole e del coniuge debole.

Le decisioni, in via prevalente, riguarderanno:

- Affidamento dei figli

- Assegnazione abitazione

- Obbligo di mantenimento

Il tribunale competente sarà quello in cui vive il coniuge passivo, cioè colui che non ha sollevato la richiesta di separazione giudiziale
Il tribunale comunica ai coniugi la data della prima udienza, nel caso in cui non si presenti il coniuge che ha sollevato la richiesta, il Presidente prende atto della rinuncia, nel caso in cui non si presenti il coniuge destinatario del ricorso, verrà fissata una nuova data per altra udienza.
In conclusione è bene sottolineare che tutte le decisione assunte dal giudice si muoveranno nella direzione dell’interesse della prole.
L’interesse dei figli, nel caso di specie, è il primo elemento di tutela, la loro integrità psicofisica è la cosa da salvaguardare, specie in una condizione che sarà per i bambini molto complessa e difficile da affrontare.

Dunque nonostante il livello di conflittualità e di incomunicabilità coniugale il giudice si farà garante di vigilare e/o di scegliere ciò che possa garantire a questi giovani una vita serena.

Torna indietro

Commenti

Aggiungi un commento

Calcola 2 più 3.