Multe e ricorsi nei parcheggi blu

a cura di Giacomo Scortichini

Parcheggio a pagamento e regole sulle sanzioni.

Può accadere che ci troviamo a dover parcheggiare la nostra autovettura in un parcheggio a pagamento e ci accorgiamo di essere sprovvisti di monete.
Cosa facciamo se i parchimetri non sono predisposti per accettare il pagamento con banconote o carte di credito?
E’ a tutti noto che il parcheggio sulle strisce blu è a pagamento, a meno che non siano previsti particolari esoneri, chi non effettua il pagamento del Ticket dovrà pagare al comune l’importo di euro 41.
E’ bene precisare che detto importo potrà essere ridotto del 30% nel caso in cui la multa sia pagata entro 5 giorni della sua notificazione.
Possiamo pensare di opporre la sanzione amministrativa?
Si, alla sola condizione che il multato sia in grado di dimostrare di aver fatto “ tutto il possibile per osservare la legge, cosicché nessun rimprovero possa essergli mosso”.
Questo è ciò che afferma la Cassazione con ordinanza n.277 del 2022   
Esistono altre condizioni che possono portare all’opposizione della multa; si può verificare che il proprietario dell’auto abbia acquistato il ticket e aver dimenticato di esporlo, in questo caso è possibile annullare il provvedimento sanzionatorio, a patto che si sia nella possibilità di mostrare il ticket acquistato al Giudice di pace.
Si può inoltre eccepire lo sbilanciamento tra parcheggi a pagamento e parcheggi gratuiti che, in linea generale, devono per numero sostanzialmente equivalersi.
Inoltre, l’articolo 7 del codice della strada stabilisce che “ le aree destinate al parcheggio devono essere ubicate fuori della carreggiata e comunque in modo che i veicoli parcheggiati non ostacolino lo scorrimento del traffico”; nel caso che ciò non accada le sanzione devono essere annullate perché elevate in violazione del codice della strada.
Per concludere possiamo affermare che tali sanzioni possono essere comminate sia dai vigili urbani che dagli ausiliari del traffico.
A chi si rivolge al nostro Studio diciamo che la giustizia ha un costo e che per tali importi potrebbe non valere la pene avventurarsi in battaglie legali, resta comunque la nostra ammirazione verso chi, anche per una sola questione civica e non certo economica, pretenda un corretto uso delle normative di legge.
Grazie per averci concesso la Vostra attenzione.

Torna indietro

Commenti

Aggiungi un commento

Calcola 6 più 9.